Analisi retrospettiva per la Sicurezza, Gusto, tollerabilità ed efficacia, all’interno di una dieta a basso contenuto calorico, di alimenti surgelati easydiet. Programma “Easydiet” adiuvante la perdita di peso.

21.07.2021

Francesco di Tuoro1, Veronica Di Caprio, Anna Folco2, Valentina Corato4 ;

  • Fondazione Onlus "DD Clinic Research Institute", 81100 Caserta (CE)
  • "Studio Nutrigene", 81100 Caserta (CE)
  • "Studio Nutrigene", 81100 Caianello (CE)
  • "Studio Nutrigene", 81100 Caianello-Caserta(CE)

Abstract

Il mantenimento ed il controllo della perdita di peso corporeo sono finemente regolati dall'interazione di una serie di processi biochimici, che comprendono fattori omeostatici, ambientali e comportamentali. Per mantenere la perdita di peso nel tempo i soggetti debbono acquisire consapevolezza degli adattamenti fisiologici, che ne favorirebbero la ripresa, e quindi applicare strategie alimentari, integrazione di pasti pronti, in grado di modulare insulina, grelina e leptina, ormoni che intervengono nel ridurre il temuto effetto 'yo-yo'. La sicurezza e la tollerabilità di alimenti pronti in un programma alimentare ipocalorico negli Obesi, potrebbe rappresentare un elemento discriminante per il successo del percorso alimentare selezionato, sia in termini di perdita di peso in massa grassa, sia per il mantenimento della massa magra; L'integrazione con alimenti pronti migliora l'adesione al programma, aumenta la motivazione per la velocità con cui si riduce la circonferenza vita, solitamente correlata a un'iperproduzione di insulina. Tale strategia aiuterebbe a neutralizzare l'azione dell'ormone "anabolico" per eccellenza, e contrastare l'effetto "yo-yo"; Scopo di questo lavoro è valutare la modulazione dei meccanismi biologici alla base del controllo e mantenimento del peso negli obesi integrando al piano alimentare alimenti pronti 2easydiet", strategia che si né dimostrata vincente in termini di sicurezzqa, tollerabilità, gusto e tempi veloci di preparazione;

Obiettivo

Valutare la sicurezza, Gusto, Tollerabilità ed efficacia a breve termine di una dieta integrata con alimenti pronti easydiet in un programma educazionale per la perdita di peso che includa un supporto alla modificazione dello stile di vita e del comportamento in soggetti con Sovrappeso-Obesità.

Totale di 20 pazienti (10 uomini e 10 donne), di età compresa tra 25 e 65 anni che si sono presentati spontaneamente per un trattamento alimentare presso il nostro servizio dietetico nel periodo da 01 al 30 Marzo 2021.

10: Controllo (Dieta ipocalorica bilanciata normoproteica).
10: Dieta ipocalorica bilanciata normoproteica con inserimento
di pasti easydiet "vellutate";

Criteri di inclusione:
• Maschi e femmine di età compresa tra i 25 -65 anni con BMI >24,5
• Pazienti con nessun supporto farmacologico.
• Pazienti cognitivamente integri.
• Essere in grado di seguire indicazioni del protocollo per tutta la durata dello studio.


Criteri di esclusione:
• Incapacità di intendere e di volere.
• Presenza di patologie non uniformi al protocollo

Risultati e Discussione

Il programma interventistico di perdita di peso basato su una dieta integrata è più efficace nel favorire la riduzione di peso corporeo e nel miglioramento del controllo metabolico rispetto a una dieta ipocalorica standard. Entrambi i gruppi hanno ben condotto il programma alimentare assegnato. Non sono state riscontrate differenze significative nei parametri di sicurezza di laboratorio tra i due gruppi, urine comprese. La creatinina e l'azoto ureico nel sangue non sono cambiati in modo significativo rispetto al basale né tra i gruppi. La perdita di peso e la riduzione della circonferenza della vita nel gruppo con dieta + pasti easydiet erano significativamente maggiori rispetto ai soggetti di controllo (entrambi P<0,001). Il calo dell'HbA1c e del controllo glicemico è stato maggiore nel gruppo con easydiet (P<0,05). Non sono stati segnalati eventi avversi lievi o moderati. In base ai dati ottenuti Il 16% dei pazienti ha modificato il proprio stile di vita raggiungendo uno standard definito sano, mentre il 84% ha migliorato le proprie abitudini di vita senza però raggiungere tale standard nel gruppo di controllo, mentre nel gruppo easydiet il 26% ha modificato il proprio stile di vita raggiungendo uno standard definito sano, mentre il 74% ha migliorato le proprie abitudini di vita senza però raggiungere tale standard . Solo il 3% del campione non ha ricevuto alcun tipo di educazione sanitaria. Questi pazienti non hanno modificato il proprio stile di vita.

Conclusioni:

L'utilizzo di pasti sostitutivi e/o integrazione di prodotti EasyDiet è stato ben tollerato e accettato da tutti i partecipanti. Aver usato tali prodotti insieme ad una dieta standard sembra aver aumentato la motivazione e la compliance dei soggetti. La perdita di peso veloce, cosi come la riduzione della fame dei primi giorni, permette al paziente di rafforzare costantemente la sua motivazione e di evitare lo scoraggiamento e gli insuccessi tipici delle perdite di peso lente. Inoltre, il paziente non si trova mai di fronte alla scelta dell'alimento, ma viene canalizzato verso una scelta specifica di alimenti di ottima palabilità, studiati appositamente per venire incontro alle esigenze e ai gusti dei pazienti. Lo studio sottolinea l'importanza dell'intervento educativo, in quanto può incidere positivamente sulla salute delle persone. L'intervento di educazione sanitaria potrebbe essere gestito in autonomia, dedicando adeguato tempo alla trasmissione delle informazioni al paziente ed alla sua famiglia.

Parole chiave: Educazione sanitaria, malattie cardiovascolari, fattori di rischio cardiovascolare, fattori di rischio modificabili, rischio cardiovascolare.

BIBLIOGRAFIA

  • Cardiovascular diseases (CVDs). (1948, aprile 7). Tratto il giorno settembre 17, 2015 da WHO: https://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs317/en/
  • www.istat.it
  • Dott. Ananya Mandal, M. (2013, maggio 30). Che cosa è malattia cardiovascolare? Tratto da News Medical life sciences & medicine: https://www.news- medical.net/health/What-is-Cardiovascular-Disease-(Italian).aspx
  • What is cardiovascular disease? (2014, Dicembre). Tratto da American Heart Association: https://www.heart.org/HEARTORG/Caregiver/Resources/WhatisCardiovascularDise ase/What-is-Cardiovascular-Disease_UCM_301852_Article.jsp#
  • Guidelines for Safe Surgery. (2009). Tratto da WHO [PDF file]: https://apps.who.int/iris/bitstream/10665/44185/1/9789241598552_eng.pdf?ua=1
  • Pyorala, K., & Wood, D. (1998, ottobre). Prevention of coronary heart disease in clinical practice. European recommendations revised and reinforced. European Heart Journal, 19, 1413-1415.
  • Il Progetto Cuore. (1998). Tratto da Istituto Superiore della Sanità: https://www.cuore.iss.it/
  • Diabete. (2015, maggio). Tratto il giorno settembre 15, 2015 da EpiCentro: https://www.epicentro.iss.it/problemi/diabete/diabete.asp
  • Obesità. (2014, gennaio 10). Tratto da Ministero Della Salute: https://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=175&area=Ma lattie_endocrine_e_metaboliche
  • Fattirolli, F., Guiducci, U., & Penco, M. (2006, Giugno). L'esercizio fisico nel paziente con cardiopatia ischemica. Medicina Dello Sport, 59(2), 215-24.
  • Griffo, R., Urbinati, S., Giannuzzi, P., Jesi, A. P., Sommaruga, M., Sagliocca, L., . .Familiari, M. G. (2008). Linee Giuda Nazionali su Cardiologia Riabilitativa e Prevenzione Secondaria Delle Malattie Cardiovascolari. Giornale Italiano di Cardiologia, 286-297.
  • Thompson, P.D., Buchner, D., Pina, I.L., Balady, G.J., Williams, M.A., Marcus, B.H., Berra, K., Blair, S.N., Costa, F., Franklin, B., Fletcher, G.F., Gordon, N.F., Pate, R.R., Rodriguez, B.L., Yancey, A.K., Wenger, N.K. (2003). Exercise and physical activity in the prevention and treatment of atherosclerotic cardiovascular disease. A statement from the Council on Clinical Cardiology (Subcommittee on Exercise, Rehabilitation, and Prevention) and the Council on Nutrition, Physical Activity, and Metabolism (Subcommittee on Physical Activity). Circulation(107), 3109-16.
  • Leon, A.S., Franklin, B.A., Costa, F., Balady, G.J., Berra, K.A., Stewart, K.J., Thompson, P.D., Williams, M.A., Lauer, M.S.(2005). Cardiac rehabilitation and secondary prevention of coronary heart disease. An American Heart Association statement from the Council on Clinical Cardiology and the Council on Nutrition, Physical Activity, and Metabolism, in collaboration with the American Association of Cardiovascular and Pulmonary Rehabilitation. Circulation (111), 369-76.
  • Graham, I., Atar, D., Borch-Johnsen, K., & al. (2007, ottobre). European guidelines on cardiovascular disease prevention in clinical practice: executive summary: Fourth Joint Task Force of the European Society of Cardiology and Other Societies on Cardiovascular Disease Prevention in Clinical Practice (Constituted by r. European Heart Journal(28), 2375-414.
  • Formicola, M., Gioachin, L., & Nardi, G. (2010). L'educazione terapeutica nel paziente chirurgico: migliorare la compliance ed il benessere psico-fisico. Tratto da Evidence Based Nursing: https://www.evidencebasednursing.it/revisioni/2010_Educazione_terapeutica.pdf
  • Jorstad, H., von Birgelen, C., Alings, A., Liem, A., van Dantzig, J., Jaarsma, W., . . . Peters, R. (2013). Effect of a nurse-coordinated prevention programme on cardiovascular risk after an acute coronary syndrome: main results of the RESPONSE randomised trial. Heart, 1421-30.
  • Amodeo, R., De Ponti, A., Sorbara, L., & Avanzini, F. (2009, Aprile). Come aumentare le conoscenze dei pazienti con cardiopatia ischemica sulla loro malattia? Utilità di un incontro educazionale tenuto da infermieri. Giornale Italiano di Cardiologia, 10(4), 249-255.
  • Astin, F., Horrocks, J., & Closs, S. J. (2014). Managing lifestyle change to reduce coronary risk: a synthesis of qualitative research on peoples' experiences. BMC Cardiovascular Disorders, 14(96).
  • Leifheit-Limson E. C., D'Onofrio G., Daneshvar M., Geda M., Bueno H., Spertus J. A., Krumholz H. M., Lichtman J. H.(2015) Sex Differences in Cardiac Risk Factors, Perceived Risk, and Health Care Provider Discussion of Risk and Risk Modification Among Young Patients With Acute Myocardial Infarction : The VIRGO Study. Journal of the American College of Cardiology, 18(66),1949-1957
  • Gnarra E., T. A. (2007, ottobre). Il Cuore, oggi e domani. Tratto da Cardiorete: https://www.cardiorete.it/cardio/atti/2007/Gnarra.htm
  • Madridejos Mora, R., Majem Fabres, L., Puig Acebal, H., Sanz Latorre, I., Llobet Traveset, E., Arce Casas, M., . . . Pañart Sánchez, D. (2014). Healthy heart: Results of a community education program on cardiovascular health. Atenciòn Primaria, 457-63.
  • Sibilitz, K.L, Berg, S., Tang, L., Risom, S., Gluud, C., . . . Zwisler, A. (2013). Exercise-based cardiac rehabilitation for adults after valve surgery (Protocol). Cochrane Database of Systematic Reviews(12).
  • www.piramidealimentare.it
  • Cornwell, L.D., Omer, S., Rosengart, T., Holman, W.L., Bakaeen, F.G. (2015) Changes Over Time in Risk Profiles of Patients Who Undergo Coronary Artery Bypass Graft Surgery: The Veterans Affairs Surgical Quality Improvement Program (VASQIP). JAMA Surgery,150(4), 308-315.
  • Chiariello, L., & Nardi, P. (2008). Chirurgia cardiaca e vascolare. Tratto da Treccani: https://www.treccani.it/enciclopedia/chirurgia-cardiaca-e- vascolare_(Enciclopedia_della_Scienza_e_della_Tecnica)/
  • Hammal, F., Ezekowitz, A., Norris, M., Wild, T., & Finegan, A. (2014). Smoking status and survival: impact on mortality of continuing to smoke one year after the angiographic diagnosis of coronary artery disease, a prospective cohort study. BMC Cardiovascular Disorders, 14(133).
  • Palmieri, L., Lo Noce, C., Vanuzzo, D., Dima, F., Donfrancesco, C., Pilotto, L., . . . Giampaoli, S. (s.d.). Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare: andamento temporale dei fattori di rischio cardiovascolare. Giornale Italiano Cardiologia, 11 Suppl 3 al N5 2010, 31S-36S.
  • Sassen, B., Kok, G., & Vanhees, L. (2011). Predictors of healthcare professionals' intention and behaviour to encourage physical activity in patients with cardiovascular risk factors. BMC Pubblic Health, 11(246).
  • IJzelenberg, W., Hellemans, M. I., van Tulder, W. M., Heymans, W. M., Rauwerda,
  • J., van Rossum, A. C., & Seidell, J. C. (2012, settembre). The effect of a comprehensive lifestyle intervention on cardiovascular risk factors in pharmacologically treated patients with stable cardiovascular disease compared to usual care: a randomised controlled trial. BMC Cardiovascular Disorders, 12(71).
  • Ciaccio, S., & Valentini, U. (2011). Il ruolo dell'educazione terapeutica nella cronicità. Tratto da Pacini Medicina: https://www.pacinimedicina.it/wp- content/uploads/2013/04/autovalutazione-MEDIA-4-2011.pdf
  • Morero, D., Ciairano, S., & Astegiano, E. (2005). Il processo riabilitativo conseguente ad un intervento cardiochirurgico nel paziente anziano: fattori di rischio e di protezione. Psicologia della Salute(2).